Preloader
News:

Marquez trionfa in Germania, qui... Leggi tutto

I centauri tornano ad Alessandri... Leggi tutto

Harley-Davidson e Jeep, continua... Leggi tutto

Harley-Davidson e Jeep rinnovano la loro collaborazione sui mercati europei per il quarto anno consecutivo: il costruttore di automobili sarà partner principale e sponsor ufficiale di tutti gli eventi e i raduni Harley in Europa. Il primo appuntamento è stato l’Euro Festival di Saint-Tropez, svoltosi dall’11 al 14 maggio scorsi. Si proseguirà con il Raduno H.O.G Europeo di Lugano, in Svizzera (29 giugno - 2 luglio), mentre il culmine della stagione sarà la European Bike Week del Faaker See, in Austria, che si svolgerà dal 5 al 10 settembre. 

A calendario ci sono anche il raduno Thunder in the Glens, in programma in Scozia dal 25 al 28 agosto, e il Benelux HOG Rally, che si terrà in Olanda (2-4 giugno). In ognuno di questi eventi dedicati alle 2 ruote sarà esposta anche la gamma di modelli Jeep, disponibili per prove su strada e fuoristrada. Sarà inoltre possibile acquistare il merchandising ufficiale del marchio FCA e accedere alla Jeep Lounge dedicata.  

Cosa accomuna gli “Harleysti” ai “Jeepers”? Secondo le due aziende i valori fondamentali di “libertà e avventura” nonché “un senso di appartenenza che spesso si traduce in veicoli fortemente personalizzati che riflettono la creatività e l’individualità del singolo proprietario”. 

REUTERS

Nel frattempo Harley Davidson è pronta a costruire una nuova fabbrica in Thailandia per accontentare la richiesta del mercato asiatico, quella cinese in particolare: lo ha riportato il New York Times, specificando che il costruttore di Milwaukee (Wisconsin, Stati Uniti) potrebbe dare il via alle catena produttive già all’inizio del 2018.  

Secondo il costruttore, il polo thailandese non intaccherà la produzione statunitense (in Usa il marchio vanta 5 fabbriche, ma possiede anche impianti in Brasile e India), aiuterà a limitare le spese produttive e in alcuni casi, come in Thailandia, anche a evitare pesanti dazi doganali. Motivazioni che tuttavia non hanno convinto il sindacato della United Steelworkers Union, contrario a quella che definiscono una vera e propria delocalizzazione di un fiore all’occhiello dell’industria a stelle e strisce. 

+++ Segui La Stampa Motori su Facebook! +++  

 

Che cosa ne pensi? Scrivi il tuo commento qui sotto!